Renzi e Calenda aprono la campagna elettorale del Terzo Polo a Milano: tutto esaurito al Super Studio di via Tortona. Attacchi a destra e Pd.

Calenda e Renzi assieme sul palco a Milano

Oltre 5 mila persone, si sono recate al Super Studio di Via Tortona a Milano, per assistere all’apertura della campagna elettorale del Terzo Polo. Al momento, da quanto dicono i sondaggi, è ritenuta la roccaforte delle elezioni, l’alleanza “che avrà il coltello dalla parte del manico” dopo il voto. Ma, la primissima giornata non è iniziata al meglio, moltissima gente non è riuscita ad accedere all’evento, restando fuori, con la successiva ressa.

L’alleanza quindi si presenta al pubblico di sostenitori, in una location “cuore della borghesia illuminata d’Italia”, dice Calenda parlando di Milano. Sul palco, assieme a Calenda e Renzi, anche le ministre Mara Carfagna, Mariastella Gelmini e Elena Bonetti, per parlare di misure e delle proposte elettorali. Inoltre, nell’abbondare della quota rosa, anche la consigliera milanese Giulia Pastorella e l’assessora alla giunta Sala Alessia Cappello. Matteo Renzi, dal palco sottolinea più volte, con un’atteggiamento inedito, che il leader della carovana è “Carlo”. “La generosità non è eroismo, è la sola capacità di riconoscersi parte di un progetto, parte di una squadra. Per questo, sono felice che ci sia lui al comando, io sono al suo fianco, per dare una mano”.

Poi, si inizia con gli attacchi verso gli avversari “più vicini”. Enrico Letta parla di un voto utile? “Siamo noi, l’unica coalizione da votare, se vogliamo che il nostro Paese cresca”, dice Renzi. Poi diviene molto più pungente: “Abbiamo il compito di evitare il peggio al Governo. Da un lato dalla destra sovranista, tra le peggiori del Mondo, mentre dall’altra dalla sinistra populista”. Chiaramente, si mettono nel mezzo, come figure d’opposizione sia alla sinistra che alla destra. Ma, le bufale arriveranno ben presto, nelle possibilità che dal voto, non venga raggiunta una maggioranza solida, dovranno fare una scelta: con chi andiamo? La dice tutta una “ex destra”, come Mariastella Gelmini: “A destra e a sinistra c’è chi ha mandato via Draghi, invece noi l’abbiamo sostenuto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: