Crolla parte del cavalcavia XXV Aprile a Novara: un’auto inghiottita nella voragine, nessun ferito. Lavori di manutenzione ad aprile 2015.

L’auto inghiottita nella voragine aperta sul cavalcavia

A Novara, è crollata una parte del cavalcavia XXV Aprile, che collega il centro della città con la statale per Milano. Il crollo è avvenuto alle 7.30 circa di questa mattina. Si è aperta una grande voragine sulla carreggiata di sinistra, coinvolgendo un’auto che viaggiava in direzione Trecate. In un primissimo bilancio, non ci sarebbero feriti, ma solamente qualche contusione per chi era alla guida dell’autovettura. Sul posto, gli uomini dei vigili del fuoco, e dei carabinieri per mettere l’area in sicurezza.

Il cavalcavia, non rientrava nella lista di “quelli a rischio”. Tra i ponti di Novara, il cavalcavia xxv Aprile non rientrava nelle liste comunali, come prioritari per interventi urgenti di manutenzione, uno invece ritenuto pericoloso, passa sopra la ferrovia nella zona est della città. L’ultimo intervento di consolidamento del ponte crollato, risalivano al 2015. L’amministrazione comunale, allora alla guida di Andrea Ballarè, decise l’avvio dei lavori con urgenza, visto lo stato pericoloso della struttura, soprattutto di natura statica.

Nel 2013, un sopralluogo, accelerò le procedure d’appalto, viste le condizioni critiche del ponte. Nel dicembre del 2013, le corsie aperte alla circolazione, da tre scesero a due per “cedimento delle fondamenta per la scarsa potenza del terreno”. Anche se con un’impatto mediatico sicuramente minore del Ponte Morandi di Genova, questa è un’ulteriore risposta di come in Italia la manutenzione delle proprie strade sia nel pensiero di ogni politico e amministratore locale. Un’intervento nel 2015, non risolve i problemi strutturali di un ponte, a maggior ragione se fino al 2022 è stato abbandonato a se stesso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: