Cdm: “Liberati 9.5 miliardi da utilizzare contro il caro energia”. Giorgetti: “Pronti a fronteggiare rischio recessione”.

Giorgia Meloni, presidente del Consiglio, in conferenza stampa

Giorgia Meloni, in conferenza stampa, annuncia che “sono stati liberati 9,5 miliardi da utilizzare contro il caro energia”. Mentre, al termine del consiglio dove è stata approvata la Nota di aggiornamento al Def, sottolinea: “Entro il 2023 risorse per 30 miliardi”. Mentre il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti assicura: “Pronti a fronteggiare i rischi di una recessione”.

“Verranno facilitate le estrazioni di gas in territorio italiano, come nuova misura all’interno del Dl Aiuti. Chiederemo, inoltre ai concessionari di mettere a disposizione a partire da gennaio, 1 o 2 miliardi di metri cubi di gas, destinato ad aziende energivore”, annuncia il Premier in Conferenza stampa. “La nostra attenzione maggiore, è diretta a tutte le aziende che utilizzano il gas come materia prima di lavoro”.

Poi, restando sempre in tema gas ed energia, Meloni spiega “Il prezzo calmierato per il gas, sarà vantaggioso, attraverso un tetto massimo. Chiaramente, attraverso decreti ministeriali, specificheremo meglio tutte le questioni. Il tetto al prezzo del gas, sarà valutato su una percentuale del rapporto con l’andamento del prezzo di mercato”. Ma, Giorgia Meloni, quasi attraverso un’appello rivolto all’Europa comunica: “Le misure dell’Italia è momentanea, un’intervento dell’Unione è necessario e giusto, per limitare i disagi su bollette e aziende”. “Il prezzo del gas è in discesa, ma senza duri interventi non durerà”.

Si passa poi al discorso relativo alla modifica del Reddito di Cittadinanza: “Il RDC, è oggetto della legge di bilancio, su cui sono in corso le interlocuzioni del Governo, con maggioranza e parti sociali”. La modifica, dovrà intervenire per limitare i danni verso il mondo del lavoro, spingendo i percettori di reddito con la possibilità di lavorare, di trovare un posto di lavoro degno. Informazione Nazionale, in precedenti articoli, aveva parlato del problema che sta portando il Reddito di Cittadinanza: settori lavorativi che faticano a trovare ragazzi e adulti disposti a lavorare, fermati da un salario che non rispecchia le proprie aspettative. Dal Governo Meloni, una situazione così non verrebbe accettata, rimuovendo il reddito a tutte queste categorie di persone, lasciandolo invece a chi è in difficoltà fisica o soggetto a malattie che ne impediscono il lavoro.

Infine, interviene anche il Ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti. “Siamo consapevoli che fare previsioni a lungo termine in questo momento è rischioso. Saremo pronti a fronteggiare i rischi altissimi di una recessione del Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: